In India debutta sul mercato il primo telefono Islamico

Copertina articolo
L’India assieme alla Cina rappresentano le nazioni con un mercato molto importante in quanto con un ampio margine di crescita per i produttori di telefonia mobile. Proprio per tale motivo Anuj Kanish ha deciso di far debuttare nel vicino continente indiano Emnac, un telefono progettato sopratutto per le esigenze che soddisferanno  180 milioni si mussulmani presenti nel Paese.
“L’India conta circa 180 milioni di mussulmani nel proprio paese ma l’inserimento della telefonia mobile all’interno di tale comunità, è molto inferiore rispetto al resto della popolazione, quindi nel momento in cui un prodotto o un servizio possano essere disponibili al pubblicò ciò faciliterà e rappresenterà un valido potenziale per far incrementare un numero notevole di utenti” così afferma Kanish, ma aggiunge anche che “la religione è molto importante in India così come lo è la telefonia mobile. Il nostro obbiettivo consiste nel fornire un prodotto che unisca entrambi i concetti come una possibile combinazione tra religione e telefonia mobile”.
Enmac MQ710 sarà in grado di offrire agli utenti mussulmani il sacro Corano ed altri testi sacri che saranno disponibili in 29 lingue diverse, di indicare tramite il GPS integrato la posizione precisa della Mecca e di Medina, inoltre questo device avrà un doppio slot per inserire 2 SIM card quindi diventerà un vero e proprio device dual-sim ed infine l’opzione silent-mode che si attiverà automaticamente nel periodo di preghiera.
Giuseppe Castorina
Studente presso l' università Sapienza di Roma,appassionato di tutto ciò che circonda il mondo della tecnologia,nel 2011 spinto da questa passione decido di avviare questo progetto racchiudendo al suo interno tutte le ultime notizie Geek !